Stampa

Indicatori di salute: la lista dell’Oms

Scritto da Amministratore. Postato in Principali

Con la Global Reference List of 100 Core Health Indicators, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) propone un nuovo strumento standardizzato e condiviso per inquadrare/fotografare in modo obiettivo e sintetico lo stato di salute a livello nazionale e globale e seguirne nel tempo i cambiamenti.

La lista 2015 è stata messa a punto da un gruppo di lavoro che ha iniziato la sua attività nel settembre 2013 individuando una serie molto più nutrita di indicatori, sottoposta a una selezione nell’anno successivo e successivamente consolidata.

Gli indicatori sono classificati in 4 categorie principali, come riportato anche in una tabella (pdf 68 kb) di sintesi:

  • indicatori dello stato di salute (tassi di mortalità e di morbilità)
  • indicatori dei fattori di rischio (per esempio stili di vita, condizioni predisponenti a malattie croniche non trasmissibili)
  • indicatori di copertura da parte dei servizi sanitari (per esempio vaccinazioni, assistenza alla gravidanza e al parto, attività di diagnosi e prevenzione dell’infezione da Hiv)
  • indicatori relativi al sistema sanitario (per esempio accesso e utilizzazione dei servizi sanitari, spesa sanitaria, registri anagrafici e/o sanitari).

La scelta degli indicatori è ovviamente coerente con le priorità dei Millenium Development Goals/Sustainable Development Goals.

Secondo le intenzioni dell’Oms, l’applicazione della lista, sottoposta a revisioni periodiche, dovrebbe, in un’ottica di trasparenza e condivisione delle informazioni, facilitare il monitoraggio dello stato di salute e ottimizzare l’impegno della raccolta di dati, verificare l’avanzamento di programmi e l’utilizzo di risorse, orientare le priorità di salutare.

Di particolare interesse è il fatto che per ogni indicatore sono state pubblicate schede che riportano i criteri di definizione, la provenienza dei dati e le altre possibili fonti informative.

Risorse utili

 

Fonte Epicentro

Stampa

CDC (USA) modificano composizione vaccino antinfluenzale stagione 2015/2016

Scritto da Amministratore. Postato in Principali

Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno riscontrato che il vaccino antinfluenzale 2014-2015 è stato non completamente corrispondente ai ceppi influenzali circolanti e pertanto hanno deciso di  aumentare la protezione per l’anno prossimo, come annunciato nell’ultima edizione del Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWR).

Durante la stagione influenzale 2014-15 negli Stati Uniti, l'attività influenzale è aumentata verso la fine di novembre e dicembre, prima del picco registrato alla fine di dicembre. I virus dell’influenza A (H3N2) sono risultati predominanti, mentre la prevalenza di virus influenzali di tipo B è stata rilevata a fine stagione. Questa stagione influenzale, simile alle precedenti stagioni predominate dall’influenza A (H3N2)  - scrivono gli esperti dei CDC – è risultata moderatamente grave con elevati livelli di malattia ambulatoriale e di ospedalizzazioni associate all’influenza, soprattutto per gli adulti ultrasessantacinquenni.

 La maggior parte dei virus circolanti dell’influenza A (H3N2) era differente dai virus dell’influenza A (H3N2) del 2014-15 scelti come componenti dei vaccini stagionali per l’emisfero Nord e questa è stata la causa della ridotta efficacia del vaccino.

Per quanto riguarda la composizione del vaccino contro l’influenza per la prossima  stagione, il Vaccines and Related Biological Products Advisory Committee della Food and Drug Administration (FDA) ha raccomandato che i vaccini trivalenti per l’influenza utilizzati negli Stati Uniti contengano virus del tipo A/California/7/2009 (H1N1) pdm09, un virus A/Switzerland/9715293/2013 (H3N2) e un B/Phuket/3073/2013 (B/lignaggio Yamagata).

È raccomandato inoltre che i vaccini quadrivalenti, che contengono due virus B, includano i virus raccomandati per i vaccini trivalenti e anche uno del tipo B/Brisbane/60/2008 (B/Victoria lineage).

Ciò rappresenta un cambiamento nelle componenti dell’influenza A (H3) e dell'influenza B (lignaggio Yamagata) rispetto alla composizione del vaccino influenzale 2014-15.

La composizione del vaccino contro l’influenza viene determinata, come noto, con mesi di anticipo in modo che i produttori possano avere il tempo di preparare i milioni di dosi necessarie.

Leggi il report completo dei CDC sull’influenza

Stampa

Il duetto Frassica-Ricciardi diventa uno spot per la prevenzione

Scritto da Amministratore. Postato in Principali

Un comico e un ricercatore, l'uno che parla dei falsi miti e l'altro che li smentisce puntualmente citando le evidenze scientifiche. Dopo l'apertura del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin il Convegno organizzato a Roma il 22 aprile sui falsi miti e le vere eccellenze in sanità salute c'è stato un simpatico quanto istruttivo sketch (vedi video) al quale hanno partecipato il comico messinese Nino Frassica e l'igienista e Commissario dell'Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi. Il divertente scambio di battute e citazioni scientifiche è stato pensato soprattutto per sfatare le false credenze dei cittadini sulla prevenzione e per promuovere i comportamenti corretti per la salute.

Stampa

Integrazione tra sicurezza alimentare e nutrizionale: aspetti metodologici e operativi

Scritto da Amministratore. Postato in Principali

La SItI Apulo Lucana è lieta di presentarvi il Corso di Perfezionamento "Integrazione tra sicurezza alimentare e nutrizionale: aspetti metodologici e operativi", promosso dal Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche - Settore Igiene dell'Università di Foggia. Il Corso ha l'obiettivo di offrire alle figure professionali impegnate sul fronte della sicurezza degli alimenti e dei nutrienti una formazione "di sistema" che superi la tradizionale separazione tra i due ambiti. Il Corso si sviluppa integralmente per moduli didattici, esercitazioni e laboratori erogati in modalità FAD attraverso il portale E-learning Unifg, prevede 200 ore di didattica, pari a 8 CFU. Sono ammessi al massimo 70 partecipanti e la scadenza per le presentazioni delle domande di ammissione è il 30 aprile 2015.

Per ulteriori informazioni consultate il flyer del corso.

Stampa

SOUTH ITALY MAPEC WORKSHOP

Scritto da Amministratore. Postato in Principali

L'Università del Salento vi invita a partecipare al

SOUTH ITALY MAPEC WORKSHOP: Gli strumenti a supporto delle politiche per la difesa dell'ambiente e della salute

Lecce, 27 novembre 2014 - Hotel Hilton Garden Inn, Via Cosimo De Giorgi 62, Lecce

 

Consulta il programma dell'evento